Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

04/09/2015

Conferenza Stampa Comitato V PEEP


“Un’occasione persa”


“Un’occasione persa”…. per il COMUNE e per questa amministrazione, DICIAMO NOI, che ancora una volta si è mostrata distante dai suoi cittadini. Martedì primo settembre alcuni rappresentanti dei 1600 cittadini appartenenti al Comitato V PEEP hanno assistito alla V Commissione che ha dato parere favorevole alla assunzione della delibera che recepisce l’ultima indicazione della Corte dei Conti Sez. Autonomie Locali, la quale sancisce che per il calcolo dei corrispettivi è applicabile un abbattimento forfettario massimo del 50%, riportando di fatto i valori dei riscatti ai livelli del 2013. Si ricorda che tale atto non è formale ma dovuto da parte dei comuni italiani. Consapevoli di ciò, ci spiace constatare che durante la commissione è andato in scena, per l’ennesima volta, un vergognoso travisamento dei fatti! L’assessore Brasini ha sottolineato “un’occasione persa dai cittadini” delle aree PEEP per riscattare le proprie abitazioni dai vincoli, peraltro facoltativi. Si ricorda all’assessore e a tutti i consiglieri che l’emendamento Siani-Petitti è nato nel dicembre 2013 anche a seguito dell’azione del Comitato V PEEP. Recepito dall’Amministrazione di Rimini nel luglio 2014 (7 mesi dopo) e solo a dicembre 2014 ai cittadini interessati è stata recapitata la nuova proposta di riscatto (12 mesi dopo). Nel marzo 2015, la Corte dei Conti pubblica la Delibera con “la corretta interpretazione” dell’emendamento Siani-Petitti.

Descrizione immagine

Vogliamo sottolineare che la “finestra temporale“ sarebbe stata, eventualmente, di soli 5 mesi e non di 12 come sostenuto; ma in realtà è di soli 3 mesi poiché “si apre” al momento del ricevimento dei nuovi conteggi, senza i quali i cittadini non avrebbero potuto aderire eventualmente al riscatto facoltativo, e si chiude con la delibera della Corte dei Conti(dicembre 2014 - marzo 2015) .

In questo l’Assessore sbaglia!

Certo è che dare 3 soli mesi ai cittadini per riflettere o reperire somme e relative fideiussioni bancarie, in caso di rateizzazione se non si hanno a disposizione nell’immediat0, contro i 40 anni di immobilismo è veramente vergognoso!!!!!

L’assessore Brasini inoltre dichiara: “Pochi cittadini hanno utilizzato questa opportunità perché mal consigliati”;

i cittadini appartenenti al Comitato V PEEP non hanno aderito alla proposta perché rilevano che il valore venale di partenza utilizzato dall’Amministrazione è tra i più alti d’Italia e che la volontà di fare “cassa” dell’Amministrazione supera di gran lunga quei principi di economicità e di equità da sempre auspicati in materia dal Legislatore.

Rammentiamo all’assessore che I ricorrenti hanno intrapreso la via legale contro la vessazione dell’amministrazione (Ricorso TAR 27 settembre 2013, Ricorso Consiglio di Stato 29 marzo 2014), prima dell’adozione dell’emendamento Siani / Petitti .


Descrizione immagine